Risorse ProfessionaliRisorse Professionali

Per le Imprese e i Liberi Professionisti

formats

INPS: Termini per l’Iscrizione alla Gestione Speciale Artigiani

Con circolare nr. 80 del 08 giugno scorso, l’INPS ha chiarito i termini per l’iscrizione alla Gestione Speciale Artigiani INPS da parte delle imprese che ne evidenziano i requisiti.

Il decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106, all’art. 6, comma 2, lettera f-sexies) ha introdotto l’art. 9-bis al decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40.

La norma fornisce ulteriori precisazioni, rispetto alle disposizioni contenute nella l. n. 40/2007, in merito all’iscrizione presso l’albo provinciale delle imprese artigiane e conferma, inoltre, che l’imposizione contributiva è sostanzialmente connessa all’esercizio effettivo dell’attività.

Nel ribadire l’applicazione delle disposizioni già vigenti in materia di requisiti per la qualificazione di impresa artigiana e la competenza della legislazione regionale per quanto concerne le procedure per gli accertamenti, controlli e quant’altro attenga alla tenuta dell’albo delle imprese artigiane, l’art. 9-bis del d.l. 31/01/2007, n. 7 stabilisce che, per l’avvio di un’impresa artigiana, l’interessato deve presentare, tramite ComUnica, una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di qualifica artigiana (comma 1).


Tale dichiarazione determina l’iscrizione all’Albo delle imprese artigiane con la decorrenza prevista nella dichiarazione medesima, ossia dalla data di inizio dell’attività dichiarata dal richiedente.

Dalla medesima data decorrerà l’obbligo contributivo anche nel caso in cui l’Organismo a cui è affidata la tenuta dell’Albo deliberi una diversa decorrenza (ciò potrebbe verificarsi, a titolo esemplificativo, a causa dello svolgimento di altra attività lavorativa contestuale part-time, che sia considerata ostativa ai fini della verifica della prevalenza, o a causa del mancato possesso, all’atto dell’invio della domanda d’iscrizione, delle autorizzazioni o abilitazioni previste dall’Albo delle imprese artigiane, per lo svolgimento dell’attività).

Infatti, la competenza attribuita alla legislazione regionale non pregiudica l’autonomia dell’Istituto nell’imposizione dell’obbligo contributivo, correlato all’effettivo esercizio dell’attività, conformemente al principio di tutela della posizione previdenziale di tutti coloro che effettuano una prestazione lavorativa.

Il comma 4, inoltre, stabilisce che qualora, a seguito di accertamento o di verifica ispettiva, emergano le condizioni per l’iscrizione di un soggetto alla gestione previdenziale degli artigiani, l’ente accertatore deve comunicare all’ufficio del registro delle imprese gli elementi utili per l’iscrizione del soggetto all’albo provinciale delle imprese artigiane.


Pagine: 1 2

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2) voti, media: 5,00

Articolo pubblicato in data: 20 giugno 2012
Archiviato in: Economia -

Autore

Commercialista e Revisore contabile in Lecce, CTU e Curatore Fallimentare presso il Tribunale di Lecce, Consulente e Formatore in Strategia Programmazione e Controllo. Google +






Altri Articoli che Potrebbero Interessarti:

    Amministratore SRL: Doppia Imposizione Contributiva

    Autocertificazione per gli Enti Pubblici e Certificati solo per i Privati

    SRL Semplificata: le Camere di Commercio Sono in Stand-By

    Contributi Agricoli INPS per il 2012

    SRL Semplificata: le Alternative più Convenienti

    Campania: Formazione Gratuita in Marketing Aziendale per Operatori Agricoli

    Assegno Familiare e Gestione Separata

Articoli precedente e Successivo

« « Programma Jean Monnet: Finanziamenti per Istruzione e Formazione | Fondo Perduto agli enti attivi in campo culturale » »


 


Disclaimer - P. Iva: 03737150759